Gli Dèi Orfici

Rivista RosaCroce Primavera 2021Scarica il PDF

(pubblicato sulla Rivista Rosa+Croce, Primavera 2021)

Rosa+Croce è una rivista semestrale pubblicata dalla Grande Loggia dell’Antico e Mistico Ordine della Rosa-Croce. Anche se gli articoli pubblicati non rappresentano il pensiero ufficiale dell’Ordine - ma impegnano solo i loro Autori - e non costituiscono in alcun caso parte integrante dell’insegnamento, offrono ugualmente una valida percezione della filosofia rosacrociana.


Stefanie Goodart

“Tutto viene fuori dall’Uno e si risolve nell’Uno”. (Museo, allievo di Orfeo1)

Il tema dei Misteri Orfici ha consumato la maggior parte delle mie ricerche negli ultimi anni, e ho già scritto diversi articoli sull’argomento. Per questo particolare articolo ho deciso di non fare una panoramica generale delle credenze e delle pratiche orfiche e intendo invece concentrarmi su due intriganti divinità che vengono citate nei miti orfici, ovvero Phanes e Zagreo. Queste due figure sono uniche nel senso che non sono tipicamente menzionate nella mitologia popolare greca2. Ho scelto queste due divinità anche perché entrambe appartengono alla linea di successione che termina con Dioniso. Alcuni studiosi le interpretano come generazioni precedenti nell’albero genealogico di Dioniso, mentre altri, più familiari con il pensiero metafisico, le vedono tutte come incarnazioni diverse della stessa divinità. In questo particolare articolo intendo prima di tutto dare ai lettori un quadro di base della sezione della teogonia orfica che riguarda Phanes. Da lì verranno discussi i suoi attributi e le sue funzioni, utilizzando come materiale di partenza numerosi autori antichi. Sposteremo poi la nostra attenzione su Zagreo più o meno allo stesso modo: per prima cosa ci sarà una breve rielaborazione del mito. In seguito, verranno forniti commenti da fonti antiche e moderne. Nella sezione finale dell’articolo sintetizzerò le informazioni fornite finora, e offrirò un’interpretazione che porta in sé idee di spiritualità, filosofia e universalità.

 

Phanes

PhanesIl mito di Phanes3: All’inizio tutto era buio e non esisteva nulla se non due serpenti alati4. Si accoppiarono e produssero un uovo brillante5. Un serpente si avvolse attorno all’uovo e lo strinse fino a quando si aprì. Emergeva dall’interno la divinità ermafrodita alata Phanes. Dal suo corpo si irradiava una luce così brillante che nessuno poteva guardarlo. Aveva quattro occhi, corna e la testa di un toro, un ariete, un leone e un serpente. Dalla metà superiore della conchiglia creò il cielo e dalla parte inferiore creò la terra. Si accoppiò con sé stesso e diede alla luce la dea Nyx. Si accoppiò anche con Nyx e lei partorì Gaia e Urano. Phanes iniziò allora a creare il mondo fisico assegnando un posto per il sole, la luna e le stelle. Si ritiene che il mito di base risalga almeno alla fine del periodo arcaico. Aristofane vi fa riferimento nella sua commedia Gli uccelli6, rappresentata per la prima volta nel 414 a.C. Sebbene nella commedia il mito sia leggermente alterato, la figura di Phanes è ancora chiaramente identificabile per le sue scintillanti ali dorate e per il fatto che è nato da un uovo7. Il nome Phanes deriva dal greco phainein (“portare la luce”) e phainesthai (“far risplendere”). Nell’antichità, alcuni Orfici pensavano che il suo nome dovesse essere tradotto nella voce attiva come “il portatore di luce”, mentre altri credevano che dovesse essere preso nella voce centrale come “quello scintillante”8. Così lo descrivono i Rapsodi: “E tutti gli altri si meravigliarono quando videro l’inattesa luce nell’Etere; così riccamente brillava il corpo dell’immortale Phanes”9. Phanes può essere descritto fisicamente come Luce e metafisicamente come Intelletto10. In generale, i Platonici considerano Phanes come rappresentante del Sole del mondo intellegibile11. Proclo dice che Phanes è il primo intelletto intelligibile e si dispiega nella luce12. Ermea lo chiama il confine dell’intelletto intelligibile, che illumina gli dèi intellettuali con luce intelligibile13. Phanes porta la luce nelle tenebre e l’ordine nel caos14. La sua nascita è il primo passo compiuto dal Divino che è informe e senza qualità. Phanes come essere ermafrodita rappresenta il suo ruolo di dio creatore definitivo15. Ha in sé il seme di tutti gli dèi16. Le sue ali e le sue numerose teste possono essere semplicemente spiegate come rappresentanti di una divinità estremamente potente e stupefacente. È probabile che l’immaginario sia influenzato, persino preso in prestito, da figure mitologiche di altre antiche culture mediterranee17. Phanes ha molte teste e molti occhi, ma non ha un corpo. Questo simboleggia che il mondo fisico inferiore non si è ancora manifestato18. Ermea suggerisce che i suoi quattro occhi rappresentano che egli unisce la monade originale con la triade emittente19. Pitagora credeva che la monade fosse la fonte di tutti gli altri numeri. Il Tre rappresentava la completezza perché aveva un inizio, una metà e una fine. Il numero quattro simboleggiava la perfezione, e la sua forma corrispondente era il quadrato20. Indipendentemente dalla particolare interpretazione, Phanes è certamente la rappresentazione antropomorfa della soluzione del problema dell’Uno-Molti che tanto turbò i primi Orfici e i filosofi pre-Socratici.

 

Zagreo

Il Mito di Zagreo21: Zeus aveva deciso di passare il suo regno a suo figlio, Zagreo, anche se era solo un bambino. Ciò suscitò la gelosia di alcuni degli altri dèi, e i Titani tramavano vendetta contro il ragazzo. Si travestirono imbiancandosi il volto e portarono diversi doni a Zagreo: uno specchio, delle mele, un pallone, una palla, delle nocchie, una pigna, un toro, una lana, dei pupazzi e un nartece22. Usarono questi doni per attirare Zagreo lontano dagli altri dèi e, una volta separatolo, lo attaccarono. Prima lo smembrarono, tagliandolo in sette pezzi. I pezzi furono bolliti, poi arrostiti23. Poi hanno banchettato. Ma Atena si imbatté in loro e riuscì a salvare un pezzo, il cuore, che ancora batteva. Lo portò rapidamente a Zeus, che era furioso con i Titani. Nella sua rabbia, Zeus scagliò i suoi fulmini contro i Titani, che li distrusse immediatamente. Zeus prese allora il cuore di Zagreo e lo usò per riportarlo in vita. Dalla fuliggine lasciata dai Titani, Zeus modellò esseri umani, animali e uccelli. Il nome Zagreo, spesso tradotto come “grande cacciatore”, sembra essere una contrazione di za- (“molto”) e -agreus (“cacciatore”). Zagre, parola ioiana, significa un pozzo per la cattura degli animali24. Forse il nome si riferisce a qualche mito di questo dio che purtroppo ci è sfuggito. È piuttosto ironico che qui Zagreo sembri essere il cacciato e non il cacciatore! Per quanto riguarda il suo aspetto fisico, Zagreo ha le corna25. Questo serve a collegare ulteriormente Zagreo con Phanes, che, come ricorderete, si dice abbia anche lui le corna26. I Titani tagliarono Zagreo in sette pezzi. Ognuno dei sette pezzi rappresenta i sette corpi celesti, e il cuore, che noi consideriamo come la sede dell’anima dell’individuo, rappresenta l’intelletto dell’Anima-Mundi27. Quest’Anima, naturalmente, non può essere divisa. Zagreo, che può essere pensato come un’altra incarnazione di Phanes, è anche una rappresentazione antropomorfa del problema dell’Uno-Molti. Inizia come un essere unico che viene poi separato in molti pezzi, bollito, arrostito e ingerito. Comunque, dal cuore, l’unico pezzo che si salva, Zeus è in grado di ricomporre il corpo di Zagro, completando così il ciclo da uno a molti di nuovo a uno. A causa di questo insegnamento, Harrison scrive che Zagreo è “soprattutto un nome orfico. Zagreo è il dio dei misteri, e il suo contenuto completo può essere compreso solo in relazione ai riti orfici”28.

 

Discussione

Nell’uovo, Phanes rappresenta l’unione (la perfezione) degli opposti29. Quando l’uovo si divide, la parte superiore diventa il cielo e quella inferiore la terra. Alcuni antichi scrittori hanno commentato che la parte celeste era fatta d’oro, mentre la parte terrena era fatta d’argento30. Queste coppie di opposti associati a Phanes sono proseguite; egli è la luce, mentre la sua consorte/ figlia è Nyx (Notte). Inoltre, insieme producono due figli, Gaia (Terra) e Urano (Cielo). Essi rappresentano rispettivamente il fenomeno e il noumeno31.

La figura di Zagreo non rappresenta tanto un’unificazione degli opposti quanto quella di Phanes, ma il suo mito si traduce nella sintesi degli opposti. Lo specchio nel mito rappresenta una falsa controparte della nostra realtà; letteralmente un’immagine speculare è l’opposto di ciò che si riflette nello specchio. Zagreo è distratto dalla sua immagine32, che qui simboleggia il mondo fisico come riflesso del regno spirituale. Olimpiodoro ha spiegato che l’essenza di Zagreus è stata assunta in tutta la creazione in virtù del fatto di guardarsi allo specchio e di perseguire la sua immagine33.

Titanic Underworld di Victoria Wetsch-Franck S.R.C.Come ha scritto Mead, il mito è una storia drammatica delle peregrinazioni dell’Anima Pellegrina.34 Deve passare attraverso la prova della separazione e della frammentazione attraverso il processo di differenziazione35. Questo è un altro tema comune nella mitologia mondiale, ed è simile a molti dei testi alchemici successivi. È solo attraverso l’essere apparentemente distrutti che si chiude il cerchio per essere interi. Così nel mito di Zagreo abbiamo il ciclo della tesi, dell’antitesi e della sintesi in forma evolutiva. Phanes è la fonte di luce e di intelligenza per il cosmo, e Zagreo fornisce l’anima con cui spiritualizzare tutto il creato36. Phanes inizia il ciclo della creazione, e Zagreo lo mette in moto perenne. Il mito sottolinea che l’Uno diventa molti e torna a essere Uno in virtù del legame divino tra l’Universo, il Divino e gli esseri umani attraverso questo ciclo eterno. Durante il regno di Phanes il mondo viene creato nel suo stato spirituale. Zeus acquista potere qualche generazione più tardi e rende il mondo manifesto nella sua forma fisica. Zagreo, che viene messo sul trono da Zeus, ha lo scopo di raggiungere la sintesi di questi due stati apparenti durante il suo regno. Tuttavia, egli non è in grado di adempiere ai suoi doveri e quindi le responsabilità ricadono sui suoi successori, che, secondo il mito, sono la razza degli esseri umani.

“Le anime degli uomini, vedendo le loro immagini nello specchio di Dioniso, per così dire, sono entrate in quel regno in un balzo verso il basso dal Supremo: eppure anche loro non sono tagliate fuori dalla loro origine, dall’Intelletto divino; non è che abbiano trascinato con loro il Principio Intellettuale nella loro caduta; è che, pur essendo discese anche sulla terra, la loro parte più alta regna per sempre al di sopra dei cieli” (Plotino)37.

 

Riferimenti bibliografici

  1. Come citato in Diogene Laerzio, proemio. 3
  2. Infatti, si può anche usare la presenza del nome “Phanes” o “Zagreo” come un indicatore per classificare un testo come “Orfico”.
  3. Tutti i dettagli tratti dalle Rapsodie, se non diversamente specificato.
  4. Argonautica 12 ss.
  5. L’“Uovo cosmico” è un tema comune nella mitologia comparata. Alcuni esempi sono: lo yin e lo yang cinese che emergono da un uovo con l’aiuto di un dio creatore; un mito egiziano in cui il dio uccello Benu depone un uovo su un tumulo, e dall’uovo nasce il dio del sole. Il mito della creazione giudaico-cristiana nella Genesi è molto simile: prima c’è la luce e i cieli sono separati dalla terra. Tuttavia, un vero e proprio uovo non è presente. Inoltre, la teoria del Big Bang può anche essere pensata come un mito della creazione con un “oggetto” simile all’uovo, che contiene il materiale di tutta la creazione.
  6. 690 ss. (= Orphicorum Fragmenta, fr. 1)
  7. Di questo mito esistevano, naturalmente, molte versioni diverse nell’antichità, così come era comune per ogni mito popolare tra le persone che per la maggior parte trasmettevano storie per tradizione orale.
  8. Walter Wili, “The Orphic Mysteries and the Greek Spirit”, The Mysteries: Papers from the Eranos Yearbooks (Princeton: Princeton University Press, 1971), 71.
  9. As quoted in W.K.C. Guthrie, Orpheus and Greek Religion: A Study of the Orphic Movement (Princeton: Princeton University Press, 1952), 95. 
  10. Isaac Preston Cory, Metaphysical Inquiry into the Method, Objects, and Result of Ancient and Modern Philosophy (Londra: William Pickering, 1833), 30.
  11. William Smith, William Wayte, e G.E. Marindin, eds., A Dictionary of Greek and Roman Antiquities (Londra: John Murray, 1891), 301.
  12. Thomas Taylor, trans., The Commentaries of Proclus on the Timaeus of Plato, in Five Books; Containing a Treasury of Pythagoric and Platonic Physiology, Vol. 1 (Londra: dell’autore, 1820), 361.
  13. Come citato in Thomas Taylor, The Mystical Hymns of Orpheus (Londra: Bertram Dobell, 1896), 14-15.
  14. Michael Jordan, Encyclopedia of Gods (New York: Facts on File, 1993), 204.
  15. Questa qualità ermafrodita trova poi eco nella mitologia popolare greca negli epiteti di Dioniso come Androgynos (“androgino”), Arsenothelys (“uomo-donna”), Enorches (“betesticled”), Gynnis (“femminile”), e Pseudanor (“falso uomo”).
  16. Damascius, come citato in Andrew Lang, Myth, Ritual, and Religion (New York: Longmans, Green, and Co., 1899), 299.
  17. Two interesting articles on this topic are: M.L. West, “Graeco-Oriental Orphism in the 3rd cent. BC,” Assimilation et résistence à la culture Gréco-romaine dans le monde ancien: Travaux du VIth Congrès International d’Etudes Classiques (Paris, 1976), 221-226; and M.J. Edwards, “Gnostic Eros and Orphic Themes,” Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik 88 (1991): 25-40.
  18. Manly P. Hall, Lectures on Ancient Philosophy and Introduction to the Study and Application of Rational Procedure (Los Angeles: Hall, 1929), 203.
  19. Come citato in George Stanley Faber, The Origin of Pagan Idolatry Ascertained from Historical Testimony and Circumstantial Evidence. Vol. 1 (Londra: F. e C. Rivingtons, 1816), 262.
  20. David Livingstone, The Dying God: The Hidden History of Western Civilization, (Lincoln: iUniverse, 2002), 135.
  21. Tutti i dettagli tratti dalle Rapsodie, se non diversamente specificato.
  22. Proclo sulle “Opere e i giorni di Esiodo”, 52.
  23. Questo è l’opposto di come si cuoceva la carne durante un sacrificio religioso nell’antica Grecia. Il mito intende evidenziare la perversione delle azioni dei Titani.
  24. Carl Kerényi, Dionysos: Archetypal Image of Indestructible Life (Princeton: Princeton University Press, 1976), 82.
  25. Nonnus. Dionysiaca 6.155 ff. Dionysos’s traditional “totem” animal in popular Greek mythology is the bull or goat. Nonnus said that Zagreus changed himself into many forms in order to escape the Titans, including a bull. See James George Frazer, The Golden Bough: A Study in Magic and Religion (New York: Macmillan, 1971), 451.
  26. Inoltre, Persefone, che è la madre di Zagreo nelle Rapsodie, ha anche le corna, due facce e quattro occhi.
  27. Plotino, come riassunto in Luc Brisson, How Philosophers Saved Myths. Allegorical Interpretation and Classical Mythology, (Chicago: University of Chicago Press, 2004), 77.
  28. Jane Ellen Harrison, Prolegomena to the Study of Greek Religion (Cambridge: Cambridge University Press, 1903), 481.
  29. Christopher Bamford et al., Homage to Pythagoras: Rediscovering Sacred Science (New York: Steiner Books, 1994), 22.
  30. Hall, Lezioni di filosofia antica, 203.
  31. Ibidem, 204
  32. Narciso è altrettanto distratto dal suo riflesso nello stagno, rifiutandosi di lasciare il sito, e si trasforma nel fiore.
  33. Il commento di Olimpiodoro al Fedone di Platone, citato in Cornelius Agrippa, Tre libri di filosofia occulta (St. Paul: Llewellyn 1993), 428.
  34. G.R.S. Mead, The Orphic Pantheon (Edmonds: The Alexandrian Press, 1984), 22.
  35. Marcel Detienne, The Writing of Orpheus: Greek Myth in Cultural Context (Baltimore: Johns Hopkins University Press, 2002), 157.
  36. Edwin O. James, Creation and Cosmology: A Historical and Comparative Inquiry (Leiden: Brill, 1969), 75.
  37. Plotino, Le Enneadi, 4:3, 12.
 

Rivista Rosa+Croce

Rivista RosaCroce n47 Primavera 2021Scarica il PDF 

n 47 Primavera 2021

 

Articoli in questa rivista:

Autoguarigione

La leggenda della Parola Perduta

Leale come un’ape

Gli Dèi Orfici

Tecnologia e Misticismo

 

Consulta le altre riviste...